In generale i raffronti tra i dati statistici sulla criminalità e sulla giustizia penale dovrebbero essere operati con riferimento a linee di tendenza anziché a livelli, ipotizzando che le caratteristiche dei sistemi di registrazione all'interno di un paese specifico restino costanti nel tempo. Tra il 2007 e il 2012 il numero di reati di questo tipo registrati nell'UE-28 è diminuito del 37 % e si è più che dimezzato in Inghilterra e Galles nonché in Scozia (-53 %). Giovani.Stat raccoglie e sistematizza le statistiche prodotte dall'Istat su adolescenti e ragazzi con l'obiettivo di renderle più facilmente accessibili a tutti gli utenti, siano essi policy makers, studiosi, giornalisti o cittadini. Mentre i reati connessi al traffico di stupefacenti, rapine e delitti di violenza presentano una flessione tra il 4 % e il 10 % nel periodo dal 2007 al 2012, il numero di furti di veicoli nello stesso periodo è calato molto più rapidamente (-37 %), confermando una tendenza a più lungo termine. Il tasso di omicidi in Italia e in Europa . In Europa, specialmente in relazione agli omicidi, siamo tra i paesi più tranquilli. Si tratta sempre di 16mila denunciati. 204 0 obj <>/Filter/FlateDecode/ID[<6135262CD5562546B1D8C34BFAC0A490>]/Index[195 26]/Info 194 0 R/Length 61/Prev 405886/Root 196 0 R/Size 221/Type/XRef/W[1 2 1]>>stream Calabria, Campania, Sicilia e Puglia sono invece le regioni con il più alto tasso di omicidi. È possibile pertanto che i dati siano sovrastimati. I Centri per la Giustizia Minorile (CGM) sono organi periferici del Dipartimento della Giustizia Minorile del Ministero della Giustizia che esercitano funzioni di programmazione tecnica ed economica, controllo e verifica nei confronti dei Servizi minorili da essi dipendenti quali gli Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni, gli Istituti penali per i minorenni, i Centri di Prima Accoglienza, delle Comunità. endstream endobj 196 0 obj <> endobj 197 0 obj <>/XObject<>>>/Rotate 0/TrimBox[0.0 0.0 467.717 680.315]/Type/Page>> endobj 198 0 obj <>stream RALLENTA LA CRESCITA DELLA CRIMINALITÀ PREDATORIA SOPRATTUTTO PER I FURTI IN ABITAZIONE E LE RAPINE Fonte: Ministero dell’Interno, dati SDI; Istat, Indagine sulla Sicurezza dei cittadini FIGURA 1. Nel periodo 2010–2012 la media UE-28 (esclusa la Scozia) è stata di 128 detenuti per 100 000 abitanti, rispetto ai 125 del periodo 2007–2009. I dati comprendono i detenuti in istituti penitenziari, carceri minorili, istituti per tossicodipendenti e ospedali psichiatrici o di altro tipo. PUBBLICAZIONI STORICHE Popolazione : Movimento dello stato civile [ 1862-1899 ] Statistica della popolazione : movimento dello stato civile 1900 Nello stesso periodo la popolazione carceraria di Malta è aumentata di poco più della metà (53 %) e quella dell'Italia e della Slovacchia di poco più di un terzo (rispettivamente 35 % e 34 %). Il numero verde 1522 durante la pandemia il confronto con lo stesso periodo 2013-2019 conferma l’effetto della pandemia sulle richieste di aiuto Serie storica dei dati sul tasso di criminalità minorile, per regione, inseriti nella raccolta di indicatori territoriali per le politiche di sviluppo. Un'analisi dettagliata di questa tipologia di reati è difficile perché non tutti gli Stati membri utilizzano le stesse definizioni. Infatti, tali indagini mirano a spiegare l’effetto deterrente di tale pena con riguardo all’effettiva irrogazione ed esecuzione della stessa ed, … h�b```"�0Ad`B�`ge����8�gV��}��C�N���f�:�u u[��p��>�����ι�]�B�B��mGt^�MS�Q���)����Ύڂͫ>.J����Z�=��ܗb������d���q�oOy�$��h��U'��)]-�[yr��ğ��Ї�����Y��8%-,� Anche i dati sul numero di detenuti possono essere influenzati da numerosi fattori: La popolazione carceraria dovrebbe essere misurata come il numero totale di adulti e minori detenuti (compresi i detenuti in attesa di giudizio) alla data del 1° settembre di ogni anno. Nel 2012 i detenuti nell'UE-28 (esclusa la Scozia) erano circa 643 000 e tra il 2007 e il 2012 il loro numero nell'UE-28 (esclusa sempre la Scozia) è aumentato del 7 % (cfr. tavola 4). Tra i paesi non membri dell'UE che figurano nella tavola 1, il totale dei reati registrati dalle forze di polizia in Turchia è aumentato del 96 % tra il 2007 e il 2012. Per contro nello stesso periodo Francia e Cipro hanno registrato le diminuzioni più consistenti del rapporto tra forze di polizia e totale della popolazione. Immigrati.Stat è il data warehouse che raccoglie e sistematizza le statistiche prodotte dall'Istat sugli immigrati stranieri e i nuovi cittadini al fine di renderle più facilmente fruibili dalle diverse tipologie di utenti interessati (ricercatori, policy makers, giornalisti, cittadini ). il periodo 1995-2006 (Statistic in focus, n. 19/2008, per l’Italia desunte dall’archivio Istat), del quale vengono qui commentati gli anni più recenti (2001-2006). Eurostat pubblica dati statistici sulla criminalità e sulla giustizia penale dal 1950, inizialmente sul numero complessivo di reati denunciati e dal 1993 in poi su determinate categorie di delitti. Il traffico di stupefacenti è una ripartizione della più ampia categoria dei reati inerenti agli stupefacenti. �C‹�pFIɣe��r�h��##�q�`9a. Documenti con tag: Reati. La tendenza generale per l'UE-28 presenta una diminuzione di circa il 10 % del numero di delitti di violenza rilevati tra il 2007 e il 2012. Il numero degli omicidi rilevati per paese è presentato nella tavola 3. È cambiato, invece, il tasso di criminalità, sceso da 4,86 a 1,42 denunce ogni 100 abitanti. Statistiche. La ricerca della Fondazione Hume Calabria, Campania, Sicilia e Puglia sono invece le regioni con il più alto tasso di omicidi. La criminalità in Italia è presente in varie forme, ed è caratterizzata soprattutto dalla presenza di associazioni a delinquere di tipo mafioso tipiche di talune regioni d'Italia, che si sono estese con molteplici diramazioni fuori dai confini territoriali e all'estero, e da una corruzione estremamente diffusa, tale da essere considerata "sistemica". Report Istat 2020 Nel 2018, sono stati commessi 345 omicidi (erano 357 l’anno precedente), 212 hanno interessato gli uomini (22 in meno rispetto al 2017) e 133 le donne (10 in più). I reati contro la proprietà comprendono i furti e i danneggiamenti. Data di pubblicazione: 13 maggio 2020. I furti nelle abitazioni sono definiti come l'intrusione con la forza nelle abitazioni al fine di impossessarsi di cose altrui. Va precisato che nel caso della Grecia si è verificata una rottura delle serie che può in parte spiegare la flessione particolarmente consistente osservata. tavola 8). 3) COME EVITARE LA CRIMINALITÀ Gli studi che riguardano l’influenza della certezza della pena di morte sul tasso di criminalità omicida non si basano sull’individuazione della previsione legale della pena di morte. A fronte del rilevante calo del numero di rapine registrato negli Stati membri baltici (-46 % in media nel periodo 2007–2012) e in Scozia (-40 %), alcuni paesi hanno rilevato per contro un forte aumento. Per quanto riguarda la popolazione immigrata, esso viene qui calcolato in base a due diverse platee di riferimento: 1) la popolazione di immigrati regolarmente residenti In Italia il forte aumento della criminalità (furti, cessione e traffico di stupefacenti, rapine ed omicidi) è iniziato negli anni ’70, nel decennio successivo al “miracolo economico” realizzato nei due decenni precedenti, ed è continuato negli anni ’80, consolidandosi all’inizio degli anni ’90 []. Fatta eccezione per Irlanda del Nord e Bulgaria, nell'UE gli organici delle forze di polizia sono cresciuti del 2,3 % nel periodo 2007–2012 (cfr. Di norma non è possibile tracciare una corrispondenza diretta tra tipi e livelli di reati nei vari paesi perché i sistemi giuridici e gli ordinamenti giudiziari penali sono difformi in termini di definizione di reati,[1] metodi di rilevazione, di registrazione e di conteggio dei reati e rapporto tra reati denunciati e non denunciati — si veda la sezione Fonti e disponibilità dei dati. grafico 3) presenta una tendenza alla diminuzione se si confronta la media del periodo 2007-2009 con quella del periodo 2010-2012: una flessione è osservata per tutti i paesi ad eccezione di Grecia, Malta e Austria. I dati per il Regno Unito sono registrati per singolo ordinamento giuridico: Inghilterra e Galles, Scozia, Irlanda del Nord. INDICE DELLA CRIMINALITÀ 2018: TUTTE LE CLASSIFICHE PER PROVINCIA. grafico 2). Sesso, età, cittadinanza I dati relativi ai delitti di violenza comprendono gli atti violenti contro la persona (quali aggressioni fisiche), le rapine (furto mediante l'uso della violenza o della minaccia) e i reati sessuali (compresi stupri e abusi sessuali). h޼T�n1�?��{s$T)Y(T4ia����n��bcG��_��ڪ��V���9����ӒK4a%C+ La riflessione su un quadro comparativo, specialmente se impostata sul tasso di criminalità procapite, rischia di essere endstream endobj 199 0 obj <>stream 0 Sono stati avviati lavori per migliorare la comparabilità delle statistiche della criminalità tra gli Stati membri dell'UE. Significa che nel frattempo è aumentata la popolazione rumena in Italia. Sono qui ricercabili per argomento, periodo di riferimento, territorio e strutture competenti le statistiche prodotte dall'amministrazione della giustizia. I raffronti tra paesi in merito alle statistiche della criminalità possono essere influenzati da numerosi fattori, tra i quali: Ogni analisi dei dati presentati deve essere pertanto improntata a una estrema cautela. Se si prendono in considerazione gli altri Stati membri il quadro appare variegato, con aumenti significativi tra il 2007 e il 2012 in Lussemburgo (38 %), Ungheria (26 %) e Danimarca (23 %) e considerevoli diminuzioni in Lituania (-42 %), Croazia (-33 %), Scozia (-32 %), Lettonia e Slovacchia (entrambe -30 %) e Malta ( -27 %). Per contro Lituania (-36 %) e Slovacchia (-29 %) registrano forti diminuzioni nei cinque anni compresi nell'indice della tavola 5; va osservato che la rottura delle serie della Spagna può spiegare in parte l'aumento particolarmente elevato registrato per tale paese. h�bbd``b`^$#A�>�`H,- .#��>$����K ��R��H9�Q�@� � Ulteriori informazioni di Eurostat, tavole principali e banca dati, Misurare la criminalità e la giustizia penale nell'Unione europea: piano d'azione 2011-2015 sulle statistiche, Government expenditure on public order and safety, Trends in crime and criminal justice, 2010, Trafficking in human beings — 2013 edition, Money Laundering in Europe — 2013 edition, Statistiche della criminalità: tavole e grafici, Comunicazione della Commissione COM/2006/437 definitivo, Programma dell'Aia: rafforzamento della libertà, della sicurezza e della giustizia nell'Unione europea, Programma di Stoccolma — Un'Europa aperta e sicura al servizio e a tutela dei cittadini, Istituto europeo per l’uguaglianza di genere, Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, European Sourcebook of Crime and Criminal Justice Statistics — 4th edition, Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali, United Nations Office on Drugs and Crime — Data and analysis, https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php?title=Archive:Crime_statistics/it&oldid=321480. Città del Capo è una famosa destinazione turistica, ma la città è anche famosa per i suoi bassifondi, che purtroppo sono pieni di povertà e caratterizzati da un alto tasso di criminalità.Mentre i turisti sono generalmente al sicuro a Città del Capo, è sempre meglio stare attenti e non mostrare mai oggetti di valore in pubblico. La sua banca dati comprende statistiche anche sul numero di detenuti dal 1987 in poi e sul numero di forze di polizia a partire dal 1993. Le statistiche della criminalità presentate in questa scheda comprendono i reati registrati dalle forze di polizia negli Stati membri dell'UE e in alcuni altri paesi europei. istat Secondo i dati dell'Istat , meno aggiornati di quelli del Sole24 Ore, il contesto italiano risulta fortemente differenziato sotto il profilo territoriale: il tasso (per 100.000 abitanti) di persone denunciate per le quali inizia l’azione penale, è fortemente minore al Nord-Ovest rispetto al Mezzogiorno. Poiché dai dati della Francia sui furti nelle abitazioni e sui furti di autoveicoli nel 2012 sono esclusi i reati registrati dalla Gendarmerie (rottura delle serie), qualsiasi confronto con il totale dei furti nelle abitazioni e dei furti di autoveicoli rilevati per l'anno di riferimento 2011 sarebbe fuorviante. I risultati sono presentati per omicidi consumati, tranne nel caso della Lettonia dove comprendono anche i tentati omicidi. Esse non hanno la pretesa di descrivere tutti i reati perpetrati in Europa dato che alcuni reati non sono rilevati e che l'incidenza di determinati delitti può cambiare in funzione di nuove strategie politiche o di modifiche metodologiche. Tra i paesi non membri dell'UE indicati nella tavola 7, in Turchia il numero di reati connessi al traffico di stupefacenti è più che triplicato tra il 2007 e il 2012. Gli omicidi sono rilevati in modo abbastanza coerente e le differenze tra le definizioni dei vari paesi sono meno accentuate che nel caso di altre tipologie di reati. �w�ܠ3���̔�ϡfj�b��=�'%x3�$C������!-��@-�Vb40��U@�r�8[:�+��if�t �� c�:ְ Ad esempio, Grecia, Cipro, Lussemburgo, Islanda e Liechtenstein non rilevano i "furti nelle abitazioni" come tipologia di reato a sé stante bensì nel complesso dei furti (in negozi, garage, ecc.). L’Istat pubblica i dati relativi alla sicurezza in Italia. In questa scheda sono presentate le statistiche più recenti sulla criminalità e sulla giustizia penale nell'Unione europea (UE). In alcuni paesi le forze di polizia registrano come omicidio qualsiasi decesso che non può essere attribuito immediatamente ad altre cause. Tale flessione generale è fortemente influenzata dai dati di Inghilterra e Galles, dove tra il 2007 e il 2012 si è registrato un calo di 166 mila delitti di violenza (tavola 2). Vale a dire, da un parte le rapine, gli omicidi e tutti i crimini denunciati alla polizia e alle autorità giudiziare.